La Regione Veneto ha pubblicato un bando dedicato alle aggregazioni tra imprese.

La dotazione finanziaria è la seguente:

  1. €7.000.000 per le “Attività collaborative di R&S”
  2. €3.500.000 per il “Riposizionamento competitivo”

Possono partecipare al bando aggregazioni di minimo 3 imprese. Le aggregazioni potranno essere sotto forma di Contratto di Rete (anche con soggettività giuridica), Consorzio, Società Cooperativa, Associazione o Raggruppamento a carattere temporaneo.

Per il progetto rientranti al punto 1) “Attività collaborative di R&S”, nell’aggregazione dovrà obbligatoriamente essere presente un organismo di ricerca iscritto al portale regionale “innoveneto.org”.

Possono partecipare le imprese che svolgono un’attività primaria o secondaria rientrante nelle seguenti macroclassi Istat Ateco 2007:

  • C “Attività Manifatturiere”
  • E “Fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento” esclusi codici 36 e 37
  • F “Costruzioni” per i soli codici 43
  • J “Servizi di informazione e comunicazione” solo per i codici 61 e 62 (escluso il 61.9)
  • Nell’aggregazione è ammessa una sola impresa rientrante nella macroclasse M “Attività professionali e scientifiche” per i codici 70, 71 e 73, con esclusione dei codici 70.1, 70.22.09, 71.2, 73.12, 73.2.

Interventi ammissibili:

  1. “Attività collaborative di R&S” riferite allo sviluppo di nuovi prodotti e servizi e allo sviluppo di tecnologie innovative sostenibili, efficienti ed inclusive per introdurre nei sistemi produttivi prodotti, impianti intelligenti e dispositivi avanzati di prototipazione virtuale e servizi ad alta intensità di conoscenza negli ambiti Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale.
  2. “Riposizionamento competitivo” riferito all’incremento degli investimenti nei processi di innovazione finalizzati ad elevare il contenuto tecnologico dei prodotti e dei cicli di produzione, distribuzione e gestione nell’ambito dell’Innovazione di Processo.

Spese ammissibili:

  1. Conoscenza e brevetti: costi per le conoscenze e i brevetti acquistati o ottenuti in licenza da fotni esterne
  2. Strumenti e attrezzature: costi sostenuti per nuove attrezzature tecnico-specialistiche dedicate alle attività progettuali
  3. Consulenze specialistiche di carattere tecnico-scientifico esclusive per l’attività di progetto o di business quale inserimento di un Temporary Manager per definire il piano finanziario e strategia di business
  4. Personale dipendente per lo sviluppo e la realizzazione del progetto (max 70% della spesa totale di progetto)
  5. Spese per la realizzazione di un prototipo
  6. Spese generali max 10% sul totale della voce di spesa “Personale dipendente”
  7. Spese per le garanzie necessarie all’ottenimento della fidejussione

Intensità del sostegno:

  • Progetto in Ricerca e Sviluppo sperimentale: durata max 15 mesi, spesa min €60.000 – spesa max €500.000, contributo del 50% in conto capitale
  • Progetto in Innovazione di Processo: durata max 15 mesi, spesa min €60.000 – spesa max €400.000, contributo del 50% in conto capitale

Le agevolazioni sono concesse in esenzione ai sensi del Regolamento UE n.651/2014

La modalità di valutazione delle domande è di tipo valutativa a graduatoria.

La domanda potrà essere presentata dal giorno 22 giugno 2017 fino al 20 luglio 2017.