Le imprese costituite da meno di 12 mesi (o da costituire) potranno iniziare la compilazione della domanda dal 5 maggio. La presentazione avverrà a partire dalle ore 10 del 19 maggio.

Le imprese costituite da più di 12 mesi potranno iniziare la compilazione il giorno 24 maggio. La presentazione avverrà a partire dalle ore 10 del 7 giugno.

 

 

Il Fondo è destinato a sostenere le imprese a prevalente partecipazione femminile (incluse le lavoratrici autonome) già costituite, di nuova costituzione o ancora da costituire. Le agevolazioni sono concesse per la costituzione e l’avvio di una nuova impresa femminile (imprese da costituire o costituite da meno di 12 mesi) oppure per lo sviluppo e il consolidamento di imprese femminili, nei seguenti settori:

  • produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli;
  • fornitura di servizi, in qualsiasi settore;
  • commercio e turismo.

Le iniziative devono prevedere spese ammissibili non superiori a 250.000 euro per i programmi relativi a costituzione e all’avvio di una nuova impresa femminile e non superiori a 400.000 euro per i programmi di investimento volti allo sviluppo e al consolidamento di imprese femminili. Sono ammissibili spese per:

  1. impianti, macchinari e attrezzature
  2. immobilizzazioni immateriali
  3. servizi in cloud
  4. personale dipendente, assunto a tempo indeterminato o determinato dopo la data di presentazione della domanda
  5. esigenze di capitale circolante

La forma e la misura delle agevolazioni sono articolate in funzione delle linee di azione e dell’ammontare delle spese ammissibili previste nei programmi di investimento. In particolare:

  • per gli incentivi per la costituzione e l’avvio delle imprese femminili, le agevolazioni assumono la sola forma del contributo a fondo perduto per un importo massimo pari a:
    • 80% delle spese fino a 50.000 euro, per i programmi che prevedono spese fino a 100.000 euro;
    • 50% delle spese ammissibili, per i programmi che prevedono spese superiori a 100.000 euro e fino a 250.000 euro;
  • Per gli incentivi per lo sviluppo e il consolidamento, le agevolazioni assumono la forma sia del contributo a fondo perduto sia del finanziamento a tasso zero e sono concesse fino a copertura dell’80% delle spese ammissibili, in egual misura in forma di contributo a fondo perduto e in forma di finanziamento a tasso zero.

E’ considerata impresa femminile:

  1. la società cooperativa e la società di persone in cui il numero di donne socie rappresenti almeno il 60 per cento dei componenti la compagine sociale;
  2. la società di capitale le cui quote di partecipazione spettino in misura non inferiore ai due terzi a donne e i cui organi di amministrazione siano costituiti per almeno i due terzi da donne;
  3.  l’impresa individuale la cui titolare è una donna;
  4. la lavoratrice autonoma.